Non percepisci lo stipendio da tempo? Ammonisci il tuo datore di lavoro

Sono sempre di più le famiglie che non arrivano alla fine del mese, e non ci riferiamo ai pensionati che riescono a sopravvivere a stento con la pensione minima, o a chi vive alla giornata buttandosi a capofitto nelle più improbabili avventure lavorative, o inventandosi un giorno dopo l’altro qualche espediente che gli permetta di fare qualche soldo.

Il nostro pensiero, in questo caso, va a gente che ogni mattina si reca sul proprio posto di lavoro per svolgere dignitosamente il proprio compito, in cambio di uno stipendio o un salario, che sempre più spesso, arriva con grande ritardo, o nel peggiore dei casi non arriva proprio, per cui si ci ritrova a dover lavorare aspettando stipendi arretrati da mesi!

Spesso questi ritardi avvengono a causa di una effettiva sofferenza dell’impresa, a volte è semplicemente una pratica malsana, ma in ogni caso tenteremo di capire cosa può fare il lavoratore per far valere i suoi diritti.

La prima cosa da fare è inviare un sollecito di pagamento al datore di lavoro che mette sistematicamente in difficoltà il lavoratore, ritardandogli l’accredito dello stipendio. Non è necessario che la diffida sia fatta da un legale, ma è importante poter provare di aver fatto il sollecito.

A tal proposito si può spedire il sollecito tramite:

  • raccomandata A/R,
  • P.E.C (posta elettronica certificata);

oppure lo si può consegnare manualmente:

  • all’ufficio protocollo dell’azienda;
  • al datore di lavoro, avendo cura di farsi controfirmare una copia per “presa visione”.

Se il datore di lavoro continua a fare “orecchie da mercante”, il passo successivo da fare per i lavoratori regolarmente assunti, è quello di richiedere tramite un legale un decreto ingiuntivo. Invece, nel caso di un “lavoratore in nero”, bisognerà fare causa e dimostrare per prima cosa l’esistenza di un rapporto lavorativo, e successivamente l’esistenza dei mancati crediti.

Infine se l’azienda è stata dichiarata fallita il lavoratore può inviare domanda telematica all’INPS per chiedere l’intervento del Fondo di Garanzia, se mancano i presupposti per dichiarare il fallimento, il lavoratore prima di fare richiesta d’intervento del fondo dovrà fare almeno un tentativo di pignoramento.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattarci





[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy