Contratto di ricollocazione Sicilia 2017: in arrivo aiuti per i disoccupati

In arrivo incentivi dedicati ai disoccupati e inoccupati con età tra i 18 e i 67 anni aventi un reddito Isee inferiore ai 20 mila euro.

La crisi economica degli ultimi anni ha comportato un forte aumento del tasso di disoccupazione: una piaga che colpisce indistintamente persone di ogni fascia d’età e che per questo motivo viene considerata uno dei principali problemi della nostra nazione. Da anni il Governo s’impegna ad offrire forme di sostegno con la speranza di riuscire ad attenuare la situazione e di recente la Regione Sicilia ha deciso di pubblicare uno dei bandi più attesi da parte dei disoccupati e inoccupati dell’isola, ovvero il contratto di ricollocazione Sicilia 2017.

A chi è rivolto il contratto di ricollocazione Sicilia 2017?

È rivolto alle persone disoccupate e inoccupate, residenti in Sicilia da almeno un anno, con età compresa tra i 18 e i 67 anni, aventi un reddito Isee inferiore ai 20 mila euro annui, che non percepiscano un’indennità di disoccupazione. Questi soggetti potranno far parte di un progetto che permetterà loro di firmare un contratto in un’azienda e secondo l’assessorato regionale al Lavoro potranno essere coinvolti oltre 2 mila disoccupati della Regione.

Di cosa tratta il contratto di ricollocazione Sicilia 2017?

Saranno messi a disposizione ben 15 milioni di euro che verranno distribuiti ai vari enti coinvolti nel progetto, tra cui associazioni, imprese, cooperative e professionisti che saranno in grado di offrire nuove opportunità di lavoro. Tutti questi enti, infatti, verranno pagati solamente se saranno in grado di trovare lavoro ai disoccupati della Regione e il loro compenso sarà compreso tra i 4 mila e gli 8 mila euro in base al profilo del candidato assunto: meno qualificato è il lavoratore, più difficile sarà per quest’ultimo trovare lavoro e di conseguenza più alto sarà il premio dell’azienda che gli offre un lavoro.

Leggi anche:  Vendita prima casa: che succede in caso di vendita prima dei 5 anni?

Ovviamente l’azienda dovrà investire nel disoccupato e per i candidati è prevista un’indennità lorda di frequenza di 4 euro l’ora, per un numero di ore complessivo che andrà da 118 a 236 ore, per un compenso complessivo da 472 a 944 euro. Il percorso di accompagnamento individuale si differenzierà a seconda del grado di preparazione specifica del lavoratore e si suddivise in 4 categorie, due uguali per tutti, il servizio di orientamento specialistico (che durerà 24 ore), e quello di accompagnamento al lavoro (della durata di 94 ore) e altri due, servizio di collocamento mirato (59 ore) e collocamento intensivo (118 ore) che saranno predisposti in considerazione delle capacità professionali del soggetto assistito.

Come partecipare al contratto di ricollocazione Sicilia 2017?

Basta presentare domanda entro il 14 ottobre sul portale del CIAPI e procedere alla registrazione, ricordandosi di avere a disposizione il reddito Isee relativo al 2016 e un documento d’identità, oltre alla Did, la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro, che però può essere presentata anche in un secondo momento. Una volta registrati al portale, bisogna recarsi entro 20 giorni in un qualunque Centro per l’impiego in modo tale da confermare di persona i propri dati. Per chi è poco propenso ad utilizzare internet sarà comunque possibile presentare domanda recandosi presso un Centro per l’impiego, senza doversi registrare al sito del CIAPI.

Dopo il 14 ottobre verrà stilata una graduatoria in cui i vari candidati saranno suddivisi in fasce d’età:

  • gruppo A: dai 18 ai 29 anni;
  • gruppo B: dai 30 ai 40 anni;
  • gruppo C: dai 41 ai 50 anni;
  • gruppo D: dai 51 ai 66 anni;

All’interno di ognuna di queste fasce sarà stilata un’ulteriore graduatoria che terrà conto innanzitutto del reddito; in caso di parità si terrà conto dell’età (dal più vecchio al più giovane) ed eventualmente, se si dovesse raggiungere nuovamente la parità si darà precedenza alle donne. Se ci sono donne che otterranno lo stesso punteggio si proseguirà con un sorteggio.

Leggi anche:  Girare senza documenti non è reato, ma può essere sconveniente

Il contratto di ricollocazione Sicilia 2017 si presenta come un importante sostegno per chi purtroppo non ha un lavoro e per questo motivo è importante farne richiesta nei tempi e nei modi previsti: solo in questo modo, infatti, non si rischia di perdere la possibilità di accedere a questo interessante bando.

Approfondisci il Bando di ricollocazione della Regione Sicilia 2017.

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook