Contributi alle imprese per investimenti strategici e sperimentali

Il Bando “Sostegno a progetti innovativi, strategici o sperimentali”, che mette in azione la linea 1.1.2. del Por Fers 2014 – 2020 Toscana, si pone un doppio obiettivo: permettere alle società toscane di migliorare e dare una maggiore spinta alla microeconomia locale attraverso, contributi alle imprese, per investimenti di tipo strategico e sperimentale.

A chi si rivolge?

Il Bando è rivolto alle micro-aziende, le piccole società e medie imprese, indipendentemente dalla loro forma di aggregazione o associazione; altresì il finanziamento può essere richiesto dalle Reti d’imprese con, oppure senza, personalità giuridica, nonché da Consorzi. Le aziende indicate devono esercitare un’attività economica precisa e rientrante nei Codici Adeco Istat del 2007. Per poter richiedere il finanziamento occorre possedere i requisiti di ammissibilità, che sono previsti nelle Linee Guida approvare dalla Giunta regionale tramite la delibera numero 57 il 21 giugno del 2016, tra le quali essere residente all’interno della regione, essere in regola con i contributi, non essere in stato di fallimento.

Quando e come partecipare ?

La scadenza per la presentazione delle domande è assente, i contributi alle imprese cesseranno al termine dei fondi messi a disposizione dalla Regione. Il periodo utile per presentare la richiesta inizia a partire dal 1° dicembre del 2016, collegandosi al sito Sviluppo Toscana  e compilando la scheda di richiesta online. Le graduatorie di merito delle aziende che fanno domanda di finanziamento saranno rese pubbliche ogni anno il 31 marzo e il 30 settembre. Il progetto d’investimento deve riferirsi agli studi di fattibilità, alle attività d’innovazione o all’acquisizione di vari servizi di consulenza o di sostegno e deve essere finalizzato a uno dei servizi inclusi nel Catalogo regionale. Tutti i contratti e i costi previsti sono  ammissibili se fatturati e stipulati il giorno dopo la presentazione della domanda.

Leggi anche:  La previdenza complementare è deducibile

Spese e quantificazione dei contributi alle imprese

Il costo minimo dell’investimento deve superare i 4 mila euro, mentre la spesa massima è pari a 100 mila euro. L’entità dell’aiuto finanziario rilasciato è variabile in base all’azienda stessa e al tipo d’intervento che si vuole fare; in ogni caso si stima che l’aiuto sarà pari a circa 60% per le imprese medie, il 70% di quelle piccole e 80% per le microimprese. Tali valori possono aumentare di un ulteriore 10% nel caso in cui a fare la richiesta fossero delle aziende situate nelle zone che fanno parte del progetto regionale di Parco Agricolo della Piana. Il bilancio finanziario complessivo del Bando è di circa 14 milioni di euro previsti per il periodo del 2014-2020; di questi ben 10 milioni sono riservati al settore manifatturiero e circa 4 milioni verranno stanziati al settore turistico.

Se volete conoscere tutti i dettagli relativi al bando potete consultare il testo completo che si trova alla fine dell’articolo.

Info: Bando

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook