L’Anpal attiva il nuovo servizio “Incentivabilità” per verificare quando spettano gli incentivi all’assunzione

L’Anpal ha reso disponibile sul proprio portale istituzionale la funzionalità che consente di accertare se un lavoratore rientra nelle condizioni di svantaggio e se, pertanto, all’azienda possono essere riconosciuti gli sgravi contributivi previsti dal bonus assunzioni 2018.

Anche l’Anpal (Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro) sperimenta i vantaggi della digitalizzazione dell’azione amministrativa. La verifica dei requisiti per stabilire se è attivabile l’agevolazione per l’assunzione di lavoratori svantaggiati, dall’8 giugno 2018 è diventata alla portata di un click, con conseguente risparmio di tempo e semplificazione degli adempimenti a carico dei datori di lavoro.

Lavoratori svantaggiati, chi sono?

Decreto del Ministero del Lavoro del 17 ottobre 2017 alla mano, rientrano nella definizione di lavoratori svantaggiati con diritto alle assunzioni incentivate, le seguenti categorie di persone:

  • lavoratori che nei 6 mesi precedenti la presentazione della domanda non hanno avuto rapporti di lavoro subordinato, o che hanno avuto rapporti di lavoro conclusi e di durata non superiore a 6 mesi. Non rientrano nel conteggio i periodi di lavoro intermittente, di tirocinio e LSU (lavoratori socialmente utili). Integrano la presente categoria anche i lavoratori che hanno svolto un’attività di lavoro autonomo o parasubordinato dal quale hanno percepito un reddito inferiore al reddito annuale minimo escluso da imposizione.
  • giovani tra i 15 e i 24 anni;
  • persone prive di un diploma di scuola media superiore o professionale, oppure che hanno completato la formazione a tempo pieno da non più di 2 anni, senza avere ancora ottenuto il primo impiego regolarmente retribuito. Rientrano nella categoria anche coloro che non hanno conseguito un diploma di scuola media superiore o una qualifica o un diploma di istruzione e formazione professionale rientranti nel terzo livello della classificazione internazionale sui livelli di istruzione, oppure che lo hanno conseguito da non più di due anni senza, tuttavia, avere mai avuto un impiego regolarmente retribuito per almeno 6 mesi;
  • lavoratori che hanno già compiuto i 50 anni di età;
  • lavoratori che vivono soli, con una o più persone a carico, o che hanno compiuto i 25 anni e sostengono da soli il nucleo familiare con una o più persone a carico ai sensi dell’art. 12 del TUIR (DPR 917/1986);
  • lavoratori impiegati in settori caratterizzati da un elevato livello di disparità tra uomo e donna, superiore di almeno il 25% la disparità media del Paese;
  • lavoratori appartenenti alle minoranze etniche di uno Stato UE, o ad una delle minoranze linguistiche storicamente insediate nel territorio italiano.
Leggi anche:  Inail, al via al collocamento obbligatorio 2018: previste assunzioni per disabili

Anpal, servizio “Incentivabilità”: come funziona?

L’applicativo è disponibile sul sito istituzionale dell’Anpal, cliccando alla voce “Incentivabilità” all’interno della sezione ad accesso riservato. Per iniziare la verifica sul possesso dei requisiti necessari per usufruire del bonus assunzioni 2018, occorrerà che l’azienda, il privato cittadino o il titolare di partita IVA si registrino sul portale dell’Anpal indicando le proprie personali credenziali. Effettuato l’accesso nella sezione riservata, il richiedente dovrà poi inserire il codice fiscale del lavoratore o della lavoratrice che intende assumere. Indicando tale dato, l’Anpal comunicherà se il rapporto di lavoro è ammissibile alla fruizione degli incentivi riconosciuti dalla legge n. 92/2012 che, è utile ricordarlo, prevede uno sgravio pari al 50% dei contributi gravanti sul datore di lavoro.

La funzionalità Anpal fornisce informazioni relative alla incentivabilità dell’assunzione verificando la presenza o meno di comunicazioni obbligatorie e senza tenere conto di eventuali periodi di lavoro autonomo svolti. Il servizio è disponibile per:

  • i centri per l’impiego;
  • gli operatori iscritti all’albo informatico delle agenzie per il lavoro;
  • i soggetti iscritti all’albo nazionale dei soggetti accreditati ai servizi per il lavoro;
  • tutti i cittadini.

L’attivazione dello sportello Anpal offre a imprenditori e cittadini un servizio snello e diretto per facilitare e accelerare, comodamente da casa, le procedure relative alla verifica delle condizioni per beneficiare delle agevolazioni alle assunzioni.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy