Studenti: agevolazioni fiscali al programma Erasmus Plus

Estese anche al programma Erasmus Plus le agevolazioni fiscali per la concessione di borse di studio

Sei uno studente universitario? Vuoi vivere un’esperienza formativa all’estero? Adesso puoi!
Con la nuova Legge di Stabilità del 28/12/2015, infatti, il Senato ha approvato e confermato per l’intera durata del programma comunitario Erasmus Plus lo stesso regime fiscale e previdenziale già in vigore per gli studenti Socrates e Lifelong Learning Programme per tutto il periodo 2014 -2020.
Si mette, così, sempre di più in evidenza l’importanza della mobilità internazionale nel campo dell’istruzione e si incoraggiano gli scambi e le interazioni a tutti i livelli di istruzione e formazione.
Alle borse di studio per la mobilità internazionale erogate a favore degli studenti delle università e dalle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFA), verranno così applicate le esenzioni IRPEF previste all’articolo 1, comma 3, del decreto-legge 9 maggio 2003, n. 105 (convertito, con modificazioni, dalla legge 11 luglio 2003, n. 170).
Tale articolo dispone che le somme corrisposte a titolo di borsa di studio concesse per il sostegno alla mobilità internazionale degli studenti sono esenti dall’ imposta sul reddito delle persone fisiche nei confronti dei beneficiari.
Riguardo alla materia previdenziale il reddito imponibile da prendere a base per il calcolo dei contributi, è costituito dall’intero ammontare della borsa di studio.

Cos’è il programma Erasmus Plus e come funziona?

Erasmus Plus è il programma dell’Unione europea per l’Istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport 2014-2020.
Il programma, approvato con il Regolamento UE N. 1288/2013 combina e integra tutti i meccanismi di finanziamento attuati dall’Unione Europea fino al 2013:

  • il Programma di apprendimento permanente (Comenius, Erasmus, Leonardo da Vinci, Grundtvig);
  • Gioventù in azione;
  • i cinque programmi di cooperazione internazionale (Erasmus Mundus, Tempus, Alfa, Edulink e il programma di cooperazione bilaterale con i paesi industrializzati);
  • comprende inoltre le attività Jean Monnet e include per la prima volta un sostegno allo Sport.

Questa semplificazione in un unico programma integrato consente di aumentarne l’efficienza, di rendere più semplici i finanziamenti e di ridurre la frammentazione degli interventi. Promuove sinergie tra i diversi settori rimuovendo le barriere tra le varie tipologie di progetti e garantisce nuove forme di cooperazione.
Erasmus Plus è pensato per dare risposte concrete, attraverso opportunità di studio, formazione, di esperienze lavorative o di volontariato all’estero. É il programma di mobilità che aiuta al meglio i giovani studenti ad acquisire maggiori e migliori qualifiche attraverso lo studio e la formazione all’estero, aiuta a confrontarsi meglio con un mercato del lavoro europeo profondamente mutato in cui sono sempre più numerosi i posti di lavoro che necessitano di elevate competenze e decresce la richiesta per lavori a bassa qualifica
Per poter partecipare al programma Erasmus Plus è necessario rivolgersi a uno degli organismi attivo nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport che ha aderito all’iniziativa attraverso la presentazione di progetti.

 

Info: Regolamento UE N. 1288/2013
Legge 11 luglio 2003, n. 170

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattarci





[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy