Calcolo risparmio energetico: quale differenza tra LED e tradizionale?

Mediamente le lampade a LED consumano un quinto rispetto ad una ad incandescenza. Facendo un calcolo del risparmio energetico è evidente la convenienza delle lampade a LED.

I climatologi di tutto il mondo ci hanno messo in guardia: per la salvaguardia del pianeta bisogna invertire la tendenza, ridurre le emissioni di anidride carbonica (CO2) e di gas serra, avviare una progressiva dismissione delle energie fossili (petrolio, gas, carbone) per passare alle energie provenienti da fonti rinnovabili, quelle, cioè, che possono essere utilizzate un’infinità di volte, senza consumare le risorse della terra (vento, sole, mare, geotermico, ecc…).

Ma oltre a cambiare le fonti energetiche, un’altra strategia utile è quella di ridurre il fabbisogno energetico, utilizzando le tecnologie a basso consumo. Meno energia si consuma, minori risorse verranno consumate.

Negli ultimi anni si è fatta sempre più strada la tecnologia a LED, utilizzata in tanti settori, da quello dell’illuminazione pubblica e privata (centri urbani, abitazioni, aziende) ai fari dei mezzi di trasporto, dalle torce portatili agli schermi dei più moderni televisori.

Le luci a LED sono più efficienti e più parsimoniose delle tradizionali luci a incandescenza e alogene, ma anche di molte luci a gas (come le lampade a neon). Tuttavia, per capire quanto siano convenienti, occorre anche effettuare un calcolo del risparmio energetico.

Infatti le lampade a LED costano più delle altre lampade.

Calcolo del risparmio energetico delle Luci a LED

Sul sito web di Climate Cup European Enterprise (la “Coppa per il Clima delle Imprese Europee”, progetto finanziato dalla UE allo scopo dare supporto alle piccole e medie imprese che vogliono distinguersi nella gestione efficiente dell’energia) è stato pubblicato un ipotetico calcolo sul risparmio energetico, comparando una lampada a LED e una lampada a incandescenza con la stessa luminosità, riportando consumi, emissioni di CO2, tempi di utilizzo e costi.

Leggi anche:  Riscaldamento, termo valvole obbligatorie: sanzioni per chi non le possiede

Le due lampade esaminate consumano rispettivamente 200 Watt (la luce a LED) e 1000 (Watt). Dunque, quella a LED consuma 5 volte meno di quella a incandescenza.

Ai fini del calcolo, è stato ipotizzato che un’azienda tiene accesa una lampada un’ora al giorno, per 365 giorni all’anno, e che il prezzo dell’elettricità è di 18,44 centesimi di euro al kWh.

Sono stati calcolati quindi i rispettivi consumi energetici, i costi in termini economici e le emissioni di CO2 che si avrebbero con l’uso di una piuttosto che dell’altra lampada.

Calcolo consumo energetico con lampada a incandescenza

La nostra azienda, continuando ad usare la lampada a incandescenza, si troverà a consumare 1 kWh al giorno, che sommato al prezzo dell’elettricità (pari a 18,44 centesimi per kWh), porta a spendere 18,44 centesimi di euro al giorno.

In un anno l’azienda spenderebbe 67,306 euro per tenere accesa quella lampada per un’ora al giorno.

Calcolo risparmio energetico con lampada a LED

Se la stessa azienda utilizzasse una lampada a LED, in un giorno consumerebbe 0,2 kWh di energia elettrica, spendendo 0,03688 centesimi di euro.

In un anno il costo sarebbe di appena 13,4612 euro.

Quindi l’azienda, se decidesse di sostituire la lampada a incandescenza con una a LED di pari luminosità, risparmierebbe in un anno 53,8448 euro.

Ovviamente qui si tratta solo di un’ipotesi di risparmio, ma rende bene l’idea di quanto sia più conveniente avere un’illuminazione a LED. Se aumenta il numero delle ore di utilizzo delle luci e il numero delle lampade, o anche se si ha bisogno di maggiore luminosità, il risparmio sarebbe molto più importante.

Bisogna comunque considerare che al momento dell’acquisto la lampada a LED ha dei costi maggiori rispetto alla lampada a incandescenza per cui l’acquisto iniziale si “ripagherà” nel tempo.

Leggi anche:  Attivato il Fondo Nazionale a sostegno dell’efficienza energetica per le aziende

Calcolo risparmio energetico in termini di CO2

La tecnologia a LED, come accennato, non giova solo al portafoglio, ma anche al clima e all’ambiente.

Sempre prendendo in considerazione le due lampade di prima, vediamo che quella a incandescenza, usata per un’ora al giorno tutti i giorni dell’anno, consumerà annualmente 365 kWh, contro i 73 kWh della lampada a LED, con un risparmio di 292 kWh.

Considerato che al momento la maggior parte dell’elettricità prodotta in Europa proviene da fonti fossili (carbone, idrocarburi, gas), in un anno la lampada a incandescenza causerà l’emissione di 176,295 kg di CO2 in un anno, che finirà nell’atmosfera, nel suolo o nell’acqua. Quella a LED comporterà un’emissione di 35,259 kg di anidride carbonica, ben 141 kg in meno.

Sono evidenti i vantaggi dell’utilizzo delle lampade a LED e per questo molte aziende e molti Comuni stanno investendo nella sostituzione dell’illuminazione.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Contattaci e un membro del nostro team ti spiegherà come fare




[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy