Mepa: come funziona e quali sono i vantaggi per le imprese

Che cos’è il Mepa

Quando si parla di Mepa si intende il Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione, un vero e proprio strumento controllato dal ministero dell’ Economia e delle Finanze tramite un organo minore, la Consip. In realtà, in parole più semplici il Mepa è un mercato virtuale che offre alle amministrazioni di aziende e ai loro fornitori la possibilità di incontrarsi online per discutere delle possibilità di Marketing o di tutto ciò che riguarda le negoziazioni e i contratti di vendita. Inoltre è possibile convalidare i documenti tramite delle vere e proprie firme virtuali; esse vengono fornite a chiunque si iscriva all’associazione in modo da facilitare la messa in atto di contratti di acquisto. Oltretutto, grazie a questo mercato elettronico, le Pubbliche Amministrazioni possono approfittare delle particolari offerte di varie aziende fornitrici che sono abilitate a vendere dei prodotti e a presentare i loro cataloghi specifici a prezzi molto più bassi di quelli di mercato. Si può effettuare l’acquisto che si ritiene opportuno tramite l’ordine diretto d’acquisto, ODA, che prevede l’acquisto fatto direttamente dal catalogo messo a disposizione dai venditori, oppure tramite richiesta di offerta, con la quale ogni acquirente può richiedere, a un fornitore scelto tra quelli disponibili, delle offerte personalizzabili.

Vantaggi del Mepa su fornitori e amministrazioni

Il MEPA ha portato numerosi vantaggi non solo per i fornitori ma anche per le amministrazioni. Per quanto riguarda i fornitori i vantaggi sono numerosi, quali per esempio:

  • l’accesso immediato al mercato della pubblica amministrazione;
  • rinnovamento integrale dei processi di vendita;
  • una grande occasione per mettere a frutto i propri prodotti e per valorizzare la propria impresa;
  • allargare il proprio mercato proponendo la propria merce sull’intero territorio nazionale, con conseguente aumento della clientela;
  • diminuzione dei costi commerciali, spesso considerati troppo elevati;
  • tempi di vendita e quindi di incasso ottimizzati e notevolmente ridotti;
  • velocità nel processo di acquisto.
Leggi anche:  Avviso pubblico CSE: agevolazioni a fondo perduto

Perché e come iscriversi al Mepa

Iscriversi al MEPA porta quindi numerosi vantaggi sia ai fornitori che alle amministrazioni; registrarsi al mercato elettronico della pubblica amministrazione consente quindi di partecipare al compravendita di alcuni servizi utilizzando l’apposita firma digitale. Oltretutto tutti gli iscritti all’associazione possono partecipare ad alcuni bandi indetti direttamente dalla pubblica amministrazione. I bandi sono indetti per le diverse tipologie di attività; essi sono divisi in categorie e sono proposti a seconda delle diverse esigenze delle aziende iscritte al Mepa. Tutte le imprese iscritte possono offrire un catalogo di prodotti che viene reso visibile a tutti coloro che sono iscritti all’associazione, sia potenziali acquirenti sia concorrenti poiché ogni azienda deve essere al corrente dei pezzi degli altri venditori. Per effettuare l’iscrizione è necessario essere iscritti alla Camera di Commercio e avere una partita iva. A questo punto la prima cosa da fare è la registrazione base, nella quale viene chiesto di inserire delle informazioni personali e soprattutto come si intende registrarsi al sito, in qualità di Pubblica Amministrazione o di impresa. In seguito ci sarà poi l’abilitazione, che permette sia di vendere che di fare acquisti sulla piattaforma e a seguire inserire nome utente e password. Per poter usufruire del MEPA è necessario possedere una firma digitale. Quando si parla di firma digitale si intende il possesso di una particolare chiavetta USB, rilasciata dalla Camera di Commercio, che all’interno possiede una sorta di entrata per la Card che contiene dei dati scaricati precedentemente e il software necessario per la firma digitale.

In buona sostanza l’iscrizione la mercato elettronico della pubblica amministrazione rappresenta un’ottima opportunità per le imprese.

Leggi anche:  Ricerca e innovazione: il contributo a fondo perduto della Regione Piemonte

Info: Mercato Elettronico PA

 

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook