Confidi: nuova liquidità alle imprese siciliane

Per gestire un’impresa, un’azienda o un’attività commerciale occorre, in generale, oltre ad un minimo di capacità e voglia di fare, sicuramente la disponibilità economica per fare investimenti. Trovare liquidità per fare investimenti non è sempre semplice, e spesso non si hanno le garanzie necessarie per far richieste di prestito.

Per far fronte a questo tipo inconveniente tra le varie strade percorribili c’è quella di aderire ai un consorzi fidi, detti più semplicemente CONFIDI.

La loro attività consiste nel prestare garanzia alle MPMI (micro, piccole e medie imprese), che operano nel territorio italiano in vari settori per facilitarne l’accesso al credito in maniera certa e trasparente.

Alcuni dei vantaggi spettanti agli aderenti sono ad esempio:

  • facilità d’accesso al credito;
  • ottenimento di un tasso d’interesse inferiore rispetto al tasso di mercato, come da convenzione;
  • diritto al ristorno del 60% degli interessi che l’impresa ha pagato alle banche.

La contropartita che si richiede alle imprese varia da un consorzio all’altro, ma le voci sempre presenti sono:

  • quota associativa e, talvolta, quota azionaria;
  • quota fondo gestioni;
  • quota fondo rischi.

A tal proposito comunichiamo buone notizie ai liberi professionisti e le MPMI associate in consorzi di garanzia dei settori industriali, commerciali, dei servizi, e quelle artigiane, turistiche, agricole e da quelle attive nel settore della produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli e dei prodotti della pesca, soci di Unifidi Imprese Sicilia, in quanto mercoledì 5 agosto 2015, la Regione Sicilia ha trasmesso i decreti di liquidazione delle somme relative ai contributi in conto interessi relativi alle operazioni finanziarie accese tra il 2009 ed il 2012.

La somma spettante a Unifidi Imprese Sicilia è di € 2.140.000 che verrà accreditata alle imprese associate beneficiarie del provvedimento nei tempi e nei modi dettati dalla Regione Siciliana e comunque entro 60 giorni dall’accredito del suddetto importo.

Fonte: www.unifidisicilia.it

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattarci





[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy