Bando per l’efficienza energetica delle imprese umbre: contributi agli investimenti

In arrivo nuovi incentivi per le imprese che si impegnino a ridurre il consumo energetico e l’emissione di gas climalteranti, autoproducendo energia da fonti rinnovabili.

Abbandonare le fonti di energia fossili, in luogo di quelle rinnovabili, costituisce oggigiorno non solo una opzione responsabile, ma una scelta obbligata, se si vuole garantire la futura salubrità del nostro pianeta.

Proprio al fine di incentivare la riduzione dei consumi energetici e le emissioni di gas climalteranti, la Regione, attraverso l’azione 4.1.1 del POR FESR Umbria, ha recentemente pubblicato il bando di erogazione contributi a sostegno degli investimenti delle imprese per l’efficienza energetica e l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile.

A chi si rivolge il bando per l’efficienza energetica delle imprese?

Possono accedere ai contributi le PMI extra agricole, la cui sede – destinataria degli incentivi – sia ubicata sul territorio della Regione e svolga come attività principale una tra quelle indicate dai seguenti codici ATECO 2007:

b) estrazione di minerali da cave e miniere;
c) attività manifatturiere;
f) costruzioni;
g) commercio all’ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli;
h) trasporto e magazzinaggio;
i) attività dei servizi di alloggio e di ristorazione;
j) servizi di informazione e comunicazione;
m) attività professionali scientifiche e tecniche;
q) sanità e assistenza sociale;
s) altre attività di servizi.

Di cosa tratta il bando per l’efficienza energetica delle imprese?

Le risorse stanziate ammontano a 1,5 milioni di euro.

Gli incentivi messi a bando dalla Regione Umbria sono finalizzati a sostenere le imprese negli investimenti (costi di progettazione, acquisto di materiali, lavori edili, etc.) volti a perseguire uno sfruttamento razionale dell’energia e/o autoprodurre energia da fonte rinnovabile.

Gli investimenti dovranno prevedere un ammontare di spesa ammissibile pari o superiore a 50 mila euro ed inferiore a 1 milione. Le agevolazioni, nel rispetto del regime d’aiuto applicabile (ordinario o de minimis), saranno concesse nella misura del:

  • 30% dei costi ammissibili per le grandi imprese;
  • 40% dei costi ammissibili per le medie imprese;
  • 50% dei costi ammissibili per le piccole imprese.

Saranno considerate ammissibili le sole spese effettuate a partire dal giorno successivo a quello di invio della domanda; gli interventi devono essere conclusi entro 6 mesi dalla data dell’atto di concessione del contributo.

Come fare domanda per il bando per l’efficienza energetica delle imprese?

Le domande dovranno essere inviate esclusivamente on line entro il 7 febbraio 2018. I contributi verranno concessi sulla base di un procedimento valutativo a sportello.

Ogni impresa dovrà presto affrontare investimenti in ambito energetico. Perché non approfittarne adesso, godendo delle agevolazioni qui delineate? Richiedi l’aiuto di un Professionista esperto, e presenta la tua domanda.

Approfondisci il bando per l’efficienza energetica delle imprese.

Vuoi approfittare delle opportunità contenute nell'articolo?

Compila il form sottostante per contattarci





[wpgdprc "Accetto esplicitamente che i miei dati vengano trattati secondo le indicazioni espresse dal GDPR ed indicate nell'informativa"]Policy e privacy