Le scadenze fiscali di ottobre 2017

Se vi sentite ancora un po’ confusi e spaesati dalle scadenze e dalle relative proroghe post rientro, cerchiamo di fare il punto sulla situazione chiarendo e fissando gli adempimenti del mese.

Spesometro – 5 ottobre

La scadenza originariamente prevista per il 28 Settembre è stata spostata al 5 ottobre con l’alta probabilità che venga ulteriormente differita. L’adempimento consiste nella trasmissione telematica dei dai delle fatture emesse e ricevute nel primo semestre 2017. Per le sole cessioni di beni e prestazioni di servizi rese e ricevute per le quali non sussiste l’obbligo di emissione della fattura, la comunicazione telematica deve essere effettuata qualora l’importo unitario dell’operazione sia pari o superiore ad euro 3.600,00 al lordo dell’Iva.

Adempimenti contabili – 16 ottobre

Come ogni mese, per i soggetti iva è previsto l’obbligo di emettere e registrare le fatture relative a beni consegnati o a prestazioni di servizi rese nel mese solare precedente. Per i Soggetti esercenti il commercio al minuto e per i soggetti che operano nella grande distribuzione l’obbligo consiste nella registrazione, anche cumulativa, delle operazioni nel mese solare precedente per le quali è stato rilasciato lo scontrino fiscale o la ricevuta fiscale.

Versamenti di ritenute e contributi – 16 ottobre

Tradizionale appuntamento mensile per le piccole e medie imprese che svolgono anche il ruolo di sostituto d’imposta. Entro il 16 ottobre si dovranno versare all’INPS i contributi dei lavoratori dipendenti, dei collaboratori e le ritenute su altre fonti di reddito all’Agenzia delle Entrate.

IVA – Liquidazione e versamento Iva mensile – 16 ottobre

Per i contribuenti IVA mensili, l’appuntamento del 16 Ottobre è anche con il versamento dell’IVA dovuta per il mese precedente.

Modello Intrastat – 25 ottobre

Per gli operatori intracomunitari con obbligo mensile e trimestrale, il 25 Ottobre coincide con l’impegno dell’invio degli elenchi riepilogativi (INTRASTAT) delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi rese nel mese precedente nei confronti di soggetti appartenenti all’ UE

Leggi anche:  Incentivi alle imprese: stanziati 225 milioni di euro a favore dei Confidi

730/2017 Integrativo – 25 ottobre

Qualora, dalla dichiarazione dei redditi inviata, si siano riscontrati errori che non incidono sulla determinazione dell’imposta, la cui correzione determina a favore del contribuente un rimborso o un minor debito è possibile presentare tramite un Centro di Assistenza Fiscale (c.d. C.A.F.) o un professionista abilitato, una dichiarazione integrativa utilizzando il modello 730 integrativo.

Modello Redditi – 31 ottobre

Per effetto della proroga scade l’ultimo del mese la possibilità di presentare la dichiarazione dei redditi modello “REDDITI PF 2017 ” e della busta contenente la scheda per la scelta della destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef. Ricordiamo qui che è possibile utilizzare il modello “Redditi PF” per integrare o rettificare il modello 730/2017 qualora dalle modifiche risulti un maggior debito o un minor credito.

Modello 770/2017 – 31 ottobre

Entro il 31 Ottobre deve essere inviato anche il modello 770/2017 (anno d’imposta 2016) che unifica i precedenti modelli 770 Semplificato e 770 Ordinario. La comunicazione che va inviata in maniera telematica all’Agenzia delle Entrate riepiloga i dati fiscali relativi alle ritenute operate nell’anno 2016, i relativi versamenti e le eventuali compensazioni effettuate nonché il riepilogo dei crediti, e di altri dati contributivi ed assicurativi richiesti.

Approfondisci lo scadenzario del mese di ottobre 2017 sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook