Start up innovative, continuano le agevolazioni per chi investe. Nasce l’incubatore Digital Magics

II Governo promuove la creazione di start up innovative incentivando gli investimenti da parte delle persone fisiche e giuridiche.

Continuano i successi per le start up innovative dopo l’entrata in vigore del decreto interministeriale 25 febbraio 2016 emanato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze in materia di incentivi fiscali all’investimento.

Il decreto riconosce un pacchetto di incentivi fiscali per chi sceglie di investire in start up innovative, siano essi persone fisiche o giuridiche, e aggiorna la precedente disciplina delle agevolazioni fiscali estendendole per tutto il 2016.

Tutte le persone fisiche che nel 2016 scelgono, quindi, di investire in una start up innovativa possono usufruire delle agevolazioni. A loro è, infatti, consentito di detrarre dall’imposta lorda sul reddito (Irpef) un importo pari al 19% dell’investimento fino ad un massimo investito di 500mila euro.

Mentre le persone giuridiche che vogliono usufruirne, dopo aver investito in una start up innovativa, possono godere di deduzioni dal proprio reddito imponibile (Ires) per un importo pari al 20% della somma investita fino ad un investimento massimo pari a 1,8 milioni di euro.

Gli incentivi valgono sia in caso di investimenti diretti in startup, sia in caso di investimenti indiretti per il tramite degli organismi di investimento collettivo del risparmio che investono prevalentemente in start-up innovative, detti OICR, e altre società che investono prevalentemente in startup.  Il beneficio fiscale è maggiore se l’investimento riguarda le startup a vocazione sociale e quelle che sviluppano e commercializzano prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico in ambito energetico (detrazione Irpef al 25%; deduzione dall’imponibile Ires al 27%).

Con l’introduzione di questa normativa, il legislatore incentiva ulteriormente gli investimenti a favore delle start up innovative che in Italia rappresentano un ecosistema all’avanguardia rispetto agli altri Paesi europei.

Leggi anche:  Waterdrop: un'idea per il risparmio idrico di tutti i giorni

Non cessano di aumentare i casi di successo e l’interesse verso le start innovative, come dimostra la recente nascita a Palermo del primo incubatore di startup digitali in Sicilia, il business incubator Digital Magics. Grazie alla collaborazione della società Factory Accademia e del Giornale di Sicilia e alla partnership con Talent Garden, il network europeo focalizzato sul settore digitale, gli spazi di co-working realizzati potranno essere punto di aggregazione per molti giovani creativi e imprenditori digitali e si prestano ad essere trampolini di lancio per nuove imprese.

Tra gli obiettivi: creare network locali di investitori che vogliano investire in neoimprese digitali; lanciare ogni anno startup innovative; organizzare eventi, iniziative e incontri di business che possano coinvolgere tutti gli operatori della filiera dell’innovazione del territorio.

Se sei uno startupper o sei interessato a diventarlo, se hai un’idea innovativa puoi rivolgerti al nuovo incubatore Digital Magics Palermo inviando la tua business idea all’indirizzo mail palermo@digitalmagics.com.

Siamo certi che non mancheranno di sbocciare nuove imprese!

Info: MISE, Decreto 25 Febbraio 2016

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook