Scadenze fiscali di gennaio 2018

Superato lo shock da rientro post natalizio, prepariamoci all’inizio del nuovo anno con le scadenze fiscali di gennaio.
Ecco quali sono gli adempimenti del primo mese dell’anno.

Versamento contributi lavoratori domestici – 10 gennaio

I datori di lavoro che hanno alle proprie dipendenze lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari devono versare i contributi relativi al IV Trimestre 2017.

Adempimenti contabili – 15 gennaio

Gli adempimenti contabili del mese consistono nell’obbligo di emettere e registrare le fatture differite relative ad operazioni effettuate nel mese solare precedente.
Per i Soggetti esercenti il commercio al minuto e per i soggetti che operano nella grande distribuzione, l’obbligo consiste nella registrazione, anche cumulativa, delle operazioni del mese solare precedente per le quali è stato rilasciato lo scontrino fiscale o la ricevuta fiscale.

Versamenti, ritenute e contributi – 16 gennaio

Da segnare sul calendario anche gli adempimenti mensili IRPEF, INPS e IVA per i contribuenti titolari di partita IVA e per coloro che svolgono il ruolo di sostituti d’imposta. Entro il 16 di ogni mese si devono infatti versare all’INPS i contributi dei lavoratori dipendenti, dei collaboratori e le ritenute su altre fonti di reddito all’Agenzia delle Entrate.

Modello Intrastat – 25 gennaio

Per gli operatori intracomunitari con obbligo mensile e trimestrale, l’appuntamento è con la trasmissione del modello Intrastat. Ricordando che dal 1° gennaio 2018 verranno introdotte delle sostanziali semplificazioni nella compilazione e negli obblighi di presentazione degli elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie, vi rimandiamo al Provvedimento n. 194409/2017 dell’Agenzia delle Entrate per approfondire l’argomento.

Canone abbonamento Rai – 31 gennaio

Per evitare l’addebito del canone TV in bolletta, si presenta ogni anno la “Dichiarazione sostitutiva relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato” per comunicare che in nessuna delle abitazioni, per le quali il dichiarante è titolare di utenza elettrica, è detenuto un apparecchio TV.

Leggi anche:  Scadenze fiscali: a novembre il boom

Trasmissione dati spese sanitarie 2017 – 31 gennaio

Per le strutture sanitarie, medici, veterinari ed altri soggetti scade il 31 gennaio l’obbligo di comunicare le spese sanitarie e veterinarie sostenute dalle persone fisiche nell’anno 2017, così come riportati sul documento fiscale emesso dai medesimi soggetti, comprensivi del codice fiscale riportato sulla tessera sanitaria, nonché quelli relativi ad eventuali rimborsi, ai fini della predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata 2018.

Bollo e superbollo auto – 31 gennaio

A completare lo scadenzario fiscale anche il bollo auto. Tenuti al pagamento della tassa automobilistica sono coloro che al 31 gennaio 2018 risultano essere proprietari del veicolo al pubblico registro automobilistico (PRA). Per i veicoli con potenza superiore ai 185 kw si aggiunge il Superbollo, pari a 20 euro per ogni kilowatt di potenza superiore al limite sopracitato, ridotta dopo cinque, dieci e quindici anni dalla data di costruzione del veicolo rispettivamente al 60%, al 30% e al 15%.

Approfondisci tutte le scadenze fiscali sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Hai dei dubbi sull'argomento appena letto?
Chiedi ad un esperto.

Hai ancora domande? compila i campi sottostanti e i migliori professionisti del settore ti risponderanno.
Registrati o accedi per visualizzare il contenuto.

Per visualizzare il contenuto o Registrati.


Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Clicca "mi piace" sulla nostra pagina Facebook